di Giuseppe De Pietro

La Provenza, oltre ad essere la terra del sole e della lavanda, è una realtà ricca di località frizzanti e giovanili come Aix en Provence, la bella cittadina universitaria tutta da vivere tra passeggiate, mercatini e locali.

Colori tenui che spaziano dal giallo, all’oro al lilla: non si tratta di una delle ultime collezioni presentate durante la settimana della moda ma bensì dei dolci paesaggi della Provenza, un universo di colori e di sapori posizionato nel sud-est della Francia, una zona che da sempre è stata motivo di grande richiamo per molti artisti come Cezanne, Matisse, Renoir, Mirò, Modigliani e Picasso, attratti dalle belle spiagge della Camargue o dai campi di lavande del Luberon là dove si possono scorgere dei luoghi sorprendenti, autentici e rari. Chi ha avuto il piacere di vedere il film “un’ottima annata” con Russel Crowe capirà subito di cosa si stà parlando, come dimenticare quei colori brillanti dello Château La Canorgue e le distese di lavanda di Luberon?

Lontano dal glamour del jet-set mondiale, la Provenza è un angolo di pace dove si respira un fascino d’altri tempi, là dove le campagne vi porteranno a viaggiare con la fantasia ed a sentirvi protagonisti di un quadro impressionista tra campi di lavanda, mercati colorati di spezie, formaggi e saponi che, oltre a far parte dell’immaginario comune, sono delle incantevoli realtà quotidiana tutte da scoprire nelle cittadine del territorio interno come Aix-en-Provence, il capoluogo storico della Provenza, una bella città con un ricco calendario culturale, una vita notturna animata e un delizioso centro caratterizzato da lunghi viali alberati, negozietti tipici e meraviglie architettoniche.

Aix è situata nel centro di una delle più ricche regioni turistiche d’Europa dove, che sia per motivi di studio o per viaggio di piacere, non potrete fare a meno di apprezzarne la vita dolce e, allo stesso tempo, frizzante del paesaggio offerto dalla campagna circostante, fonte d’ispirazione per molti artisti, primo fra tutti Paul Cézanne, originario proprio della piccola realtà francese. Importante polo universitario, Aix-en-Provence, benché non vanti di chiese o monumenti di particolare rilevanza, è un luogo spettacolare dove abbandonarsi a distensive passeggiate lungo il viale principale della città, il Corso Mirabeau e innamorarsi della magnifica fontana La Rotonde, caratterizzata dalla presenza delle 3 statue che rappresentano La Giustizia, l’Agricoltura e le Belle Arti; d’altronde non bisogna dimenticare che Aix è famosa per essere la città delle 100 fontane, pronte ad abbellire ogni pittoresca piazzetta. Niente di più suggestivo che ammirare, in tutta la loro unicità, i deliziosi mercatini, come quello di Place Richelme, dove trovare i prodotti tipici del luogo come i saponi alla lavanda, miele e confetture, le famose erbe della Provenza oltre ai caratteristici calissons d’Aix, deliziosi dolcetti alla mandorla a cui è davvero impossibile resistere!

Aix è il luogo ideale per fruire di alti valori culturali ed ambientali ma anche per godere di interessanti momenti di puro relax alle Thermes Sextius, là dove l’acqua di sorgente naturalmente calda e ricca di minerali, le rende un vero tempio del benessere e dell’armonia. Qui è possibile abbandonarsi a programmi di rigenerazione completa o di semplice relax, organizzati ad hoc per i propri clienti sia per chi si regala una settimana di trattamenti sia per una visita toccata e fuga che abbinano trattamenti di idroterapia, massaggi e trattamenti estetici per rispondere a tutte le esigenze di benessere. Essendo una città universitaria ricca di giovani di ogni provenienza amanti della bella vita e del divertimento, la cittadina francese ha molto da offrire dal punto di vista delle attrazione notturne, oltre a innumerevoli pub e locali distribuiti lungo il Cours Mirabeau e nei suoi vicoli, il cuore della movida dove ci si può scatenare sulle note musicali, è concentrato nello Scat Club Jazz, il Cuba Libre e Le Mistral, il vero tempio della notte.

https://www.france-voyage.com/tourisme/provence-alpes-cote-d-azur-region.htm