di Giuseppe De Pietro

Le Lofoten là dove il sole non tramonta mai, sono note per la natura incontaminata, bellissime con piccoli villaggi nascosti, per la pesca. Puoi andare in kayak da isola a isola, prendere con l’amo un pesce enorme o ammirare le aquile reali solcare i cieli.

La natura delle Lofoten non va solo ammirata: il bello è viverla ed interagire, andando alla scoperta di emozionanti angoli selvaggi e incontaminati, oppure unendosi alla gente del luogo per praticare l’attività più diffusa: la pesca. Anche in estate, quando le isole sono generalmente affollate di viaggiatori, è possibile regalarsi rilassanti momenti di quiete e silenzio con vista su scorci mozzafiato. Sono di una bellezza sconvolgente, selvaggia, che solo hanno questi i luoghi incontaminati.

Le isole Lofoten sono bagnate dalle acque del Mare di Norvegia, molto al di sopra del Circolo Polare Artico. Questo raro avamposto deserto offre un paesaggio di maestose montagne, fiordi profondi, colonie di uccelli marini starnazzanti e lunghe spiagge per il surf.
Forniscono ai viaggiatori esperienze piacevoli, Lofoten intende salvaguardare la natura, la cultura e l’ambiente locale, rafforzare i valori sociali ed essere economicamente valida. Vivrai delle esperienze indimenticabili nella natura, le Lofoten non ti deluderanno. Grazie al loro paesaggio variegato, qui puoi fare trekking, sciare, pescare, provare il rafting nell’oceano o le immersioni subacquee. Le Lofoten sono anche uno dei migliori siti in Norvegia per il surf, e uno dei più settentrionali al mondo.

Grazie alla calda Corrente del Golfo, nelle Lofoten il clima è molto più mite rispetto ad altre parti del mondo, a parità di latitudine. Tra la fine di maggio e metà luglio puoi ammirare il sole di mezzanotte, mentre da settembre a metà aprile c’è l’aurora boreale.  
La pesca è stata, ed è tuttora, il motivo principale per cui la gente ha vissuto qui e la regione è conosciuta per i suoi numerosi piccoli villaggi di pescatori. Qui puoi dormire in un Rorbu – vecchie casette dei pescatori – e mangiare baccalà prodotto con merluzzi locali. Il baccalà è spesso usato come base in molti dei piatti serviti nei ristoranti del posto. Le mutevoli condizioni climatiche e i magnifici giochi di luce hanno attratto artisti in quest’area per diversi decenni, e le tante opere a loro ispirate ne sono una prova.

Le Isole Lofoten, sono situate a nord-est della Norvegia. Ci sono fiordi profondi, uccelli marini, e un mare perfetto per il surf. Le isole principali sono collegate tra loro da una rete di tunnel e di ponti, mentre la Corrente del Golfo regala loro un clima piuttosto mite nonostante il si trovi a solo 200 km di distanza.
Sull’arcipelago, potrete ammirare il fenomeno del sole di mezzanotte, o per osservare l’aurora boreale. E’ da sempre una destinazione eco-sostenibile, alle Isole Lofoten lavorano costantemente per ridurre l’impatto del turismo sull’ambiente, per salvaguardare le loro natura e la loro cultura, e per coinvolgere i viaggiatori alla conservazione dell’ambiente.
Fare un viaggio alle Isole Lofoten significa immergersi in un paesaggio incontaminato, che offre la possibilità di sciare, e praticare il surf, nell’arcipelago è il luogo ideale, di tutta la Norvegia, ed è anche uno dei più settentrionali al mondo, si possono organizzare splendidi trekking, rafting sull’oceano e immersioni o pesca. Perché è la pesca la principale fonte di reddito della gente del luogo: si può dormire in un Rorbu, la vecchia casa dei pescatori, si possono visitare pittoreschi villaggi e mangiare piatti a base di baccalà ed altre prelibatezze locali.

Le Lofoten hanno un forte legame con l’era vichinga, e al Museo Lofotr puoi provare a vivere come un vichingo. A Borg, gli archeologi hanno rinvenuto la più grande casa risalente a quel periodo. La struttura è lunga 83 metri ed è stato ricostruito come museo vivente.
Per arrivare alle Isole Lofoten si può volare dalle principali città della Norvegia verso gli aeroporti di Bodø, Harstad/Narvik, Svolvær, Leknes e Røst, e da qui proseguire in aereo oppure in elicottero. In alternativa si può prendere un traghetto da Bodø, Svolvær o Værøy, oppure arrivare in auto: se si proviene da nord, c’è un collegamento gratuito in nave con un panorama mozzare il fiato, all’arrivo.

https://www.visitoslo.com/it/