di Giuseppe De Pietro

L’Argentina l’accomuna a l’Italia per i sapori ed i piatti, molti dei quali hanno origine italiana e dove l’esperienza degli chef e dei cuochi è riflessa in ogni piatto e dove gli ingredienti si combinano e si nobilitano se accompagnati dai sui vini unici, di alta qualità. Una degustazione di piatti tipici argentini con l’eccellenza dei prodotti offerte ai viaggiatori in transito.
Il sapore di un viaggio nella cucina e nei vini argentini, l’iniziativa dai passeggeri in partenza e in transito dall’area di imbarco nello scalo romano Leonardo da Vinci la possibilità di assaporare la tradizione culinaria Argentina, da oggi e fino al prossimo 11 ottobre prossimi. Per I’occasione saranno tre noti Chef a offrire delle prelibatezze argentina ma anche italiane: Cristiano Catapano, Laura Marciani, Dino De Bellis ed il pasticcere Giovanni Cagnazio, che coniugheranno l’eccellenza dei prodotti DOC della cucina italiana alle ricette tipiche argentine tra cui il “dulce de leche”, un tipo di crema a base di latte, zucchero e vaniglia, o nei biscotti, “empanadas” (panzerotti), “dulce de batata”, “dulce de membrillo” e “yerba mate”.    

L’evento è stato organizzato in collaborazione tra l’Ambasciata Argentina in Italia e Aeroporti di Roma nell’area Plaza Premium Lounge. Durante questi sette giorni nella location del Lounge Plaza Premium, e  che conferma lo stretto legame che unisce Italia e Argentina avviato lo scorso anno con la donazione di un’opera di Alejandro Marmo – il primo creatore argentino a esporre nei Musei Vaticani con “Cristo obrero” e “Virgen de Luján” –, realizzata appositamente per lo scalo romano dallo scultore argentino, da parte dell’Ambasciata Argentina in Italia.

La General Manager di Plaza Premium Lounge, Analia Marinoff ha detto “Siamo orgogliosi di aver organizzato questo evento in collaborazione con ADR e con l’Ambasciata Argentina.  Evento che testimonia una relazione che si va rafforzando nell’interesse primario dei passeggeri dell’aeroporto Leonardo da Vinci e che conferma ancora una volta il rapporto di amicizia e vicinanza tra i due Paesi. I passeggeri provenienti dal Sud America, ad oggi, rappresentano per la nostra lounge una percentuale davvero significativa e in costante crescita”. “Entusiasti di essere qui oggi insieme all’Addetto Economico Cecilia Castillo e la responsabile dell’Ufficio Promozione e Turismo, ad accogliere gli ospiti a questa importante manifestazione di promozione turistica ed enogastronomica argentina”, ha concluso l’Ambasciatore Tomas Ferrari.

L’AD di ADR Ugo de Carolis ha commentato: “Siamo lieti di ospitare questa iniziativa enogastronomica in aeroporto. Si tratta di un ulteriore tassello che conferma il rapporto di sinergia che si è venuto a creare tra Italia e Argentina. Lo facciamo in una location di cui siamo orgogliosi, la Plaza Premium Lounge, una sala a elevato comfort, con servizi aperti a tutti i passeggeri che ha come peculiarità quella di offrire una scelta gastronomica di qualità grazie alla presenza di prodotti italiani DOC. Oltre ad ospitare ogni giorno passeggeri provenienti dai paesi del Sud America. Negli ultimi 3 anni – ha aggiunto – il traffico passeggeri tra Fiumicino e l’Argentina ha evidenziato un costante aumento dei volumi che, nei primi 8 mesi del 2019, ha sfiorato i 250.000 passeggeri. Un dato in crescita di oltre il 30% rispetto allo stesso periodo del 2016 grazie ai due voli giornalieri che collegano Roma con Buenos Aires operati da Aerolineas Argentinas e Alitalia e da, a conferma del forte legame storico-culturale tra i due paesi”.
Dal Leonardo Da Vinci partono due voli giornalieri che collegano Roma con Buenos Aires operati da Alitalia e da Aerolíneas Argentinas. E l’ambasciatore argentino a Roma, Tomás Ferrari, no esclude la possibilità di tentare l’operatività di un terzo volo giornaliero dal prossimo anno. Aerolíneas Argentinas di recente è stata premiata dai viaggiatori come miglior linea aerea della regione. Questo premio rientra nell’ambito nel Piano Strategico della compagnia  dei prossimi 5 anni, incentrato sul cliente per migliorare la sua esperienza di viaggio. Per raggiungere tale obiettivo, sono da rimarcare gli indici di puntualità dei voli che si sono attestati all’87% nel 2018, record storico per la compagni. Sullo stesso piano, il livello di soddisfazione dei passeggeri ha raggiunto il record l’agosto dell’anno passato, attestandosi al 47% (con 50% il valore che rappresenta l’eccellenza.