di Giuseppe De Pietro

Ho un grande amore per il mondo animale, mi son sempre chiesto fin da piccolo se gli animali “amici dell’uomo” sono destinati ad essere solamente quelli che conosciamo come il cane, il gatto, il cavallo,oppure altro genere di animali.
Un’amicizia tra un animale ha bisogno di fiducia, cura e armonia. Che si tratti di umani, animali, mammiferi, esistono amicizie diverse. Ci hai fatto caso che le mucche hanno i migliori amici e, quando sono separate le une dalle altre, sviluppano sentimenti negativi di solitudine e isolamento. Negli esseri umani, confidiamo i sentimenti gli uni con gli altri, nella speranza che la grandezza o la forza venga meno, affinché i nostri amici ci supportino. Attraverso le immagini vedrai delle amicizie incredibili, insolite tra umani e animali.

Sono reali, belli e non ci sono conflitti tra amici come la giraffa scintillante e bellezza bruna. L’animale terrestre vivente più alto sembra inghiottito dalla presenza della donna. Un vero legame indissolubile tra un’incantevole signora e una maestosa giraffa. La più grande specie esistente nella famiglia dei cervi, l’alce è vista confortare una ragazza, costruendo un’amicizia su conforto, cura e comprensione. Così bello da catturare in una fotografia, come puoi vedere.

Chi dice che i ghepardi non possono essere nostri amici? Chiaramente, questa affermazione è semplicemente un mito. Si tratta dell’animale terrestre più veloce del mondo mentre bacia un uomo. Ciò che distingue questa relazione è il fatto che si tratta di un animale molto pericoloso così vicino a contatto con un altro uomo. Se ciò non è insolito, sarebbe difficile trovare ciò che è. Chi sapeva che farsi leccare la mano da un ghepardo potesse essere così divertente?

Un ragazzo avventuroso e orso grizzly. Sembra che gli orsi non siano poi così pericolosi, questo orso grizzly in realtà sembra calmo mentre guarda negli occhi il vecchio. Sentiamo parlare di orsi che attaccano gli umani, ma quando li vediamo amarli? L’orso sembra innamorato solo guardando la sua zampa, cosa starà pensando? Invece sembra totalmente calmo, seduto accanto l’uomo sorridente. Quasi come un ragazzo e una ragazza sotto un melo, qui l’orso ha preso il posto della ragazza! Abbiamo sentito tutti la versione animata della bella e della bestia, ma questa è quella vera! L’orso è la bestia e, naturalmente, la donna è la bellezza o la dea. Questa amicizia sembra essere più che un’amicizia, è amore.

Una donna sembra quasi confusa sul perché la scimmia sia accanto a lei. Ma è sicuramente molto carino, vero? Ogni tipo di amicizia, specialmente quella tra specie diverse, è carina. Siamo discendenti delle scimmie e sembra che la scimmia lo sappia, dato che non sembra voler allontanarsi da lei.

Un misteriosa giovane e la piccola volpe. Gli occhi della giovane signora e della volpe penetrano nel lettore, posizionati esattamente nello stesso punto. Sembra proteggere la volpe, tenendola, cullandola tra le sue braccia. L’amicizia riguarda la protezione, essere lì l’uno per l’altro, nel bene e nel male.

È così dolce. La tigre è in realtà coccole con il suo amico, sembrano condividere abbastanza bene la reciproca compagnia. Così adorabile, ti fa desiderare di poter dare alla tigre un gigantesco abbraccio tutto tuo. Ahimè. Confortando la tigre, l’uomo offre la sua amicizia. È un rispetto e una comprensione reciproci; l’amore, l’affetto e la cura sono aspetti primari che si frappongono tra i due. Questo è ciò che rende questa amicizia speciale e integrale.

Pensavo che se avessi la possibilità di un’immensa tenuta, allevassi un animale selvatico, magari anche feroce, fin da cucciolo, ovvio sarebbe una crudeltà strapparlo al suo habitat naturale, e ora se pure specie protette, ma poniamo la cosa solo come ipotesi, che so un tigrotto, un cucciolo di pantera, di leone, lupo, ecc, e convivesse con me, l’animale a suo modo si affezionerebbe al suo “padrone”? O magari al primo pasto che zompa, non esiterebbe a sbranare chi lo ha allevato? Ovvio non per cattiveria, ma perché la sua indole è quella, e non ci può essere riconoscenza, bensi prevale l’istinto.

Sarebbe forse, meglio se avrei la possibilità di adottare degli animali che per la loro indole vivono in gruppo, tipo un lupo, un ghepardo (gli antichi faraoni li allevavano), una leonessa (credo molto meno un leone maschio, perché la sua indole è quella di comandare, e non di “servire”), ma una tigre o una pantera non durerebbero molto “peace and love” col proprio padrone. Se decidiamo di scegliere di allevare un leone o una tigre sono tra gli animali più feroci ma ci sono differenze importanti tra loro. Sono entrambi tra i cinque grandi felini (gli altri tre sono il giaguaro, il leopardo e il leopardo delle nevi) e sono predatori dell’apice – cioè, non hanno predatori propri e risiedono in cima alla loro catena alimentare.
I leoni abitano tipicamente nella savana e nelle praterie, anche se possono portare a cespugli e foreste. I leoni sono insolitamente sociali rispetto agli altri gatti. Il leone maschio è altamente distintivo ed è facilmente riconoscibile per la sua criniera. Il leone, in particolare il volto del maschio, è uno dei simboli animali più ampiamente riconosciuti nella cultura umana.

Originaria della terraferma dell’Asia, la tigre è la più grande specie felina del mondo. La tigre del Bengala è la sottospecie più comune della tigre, e si trova in India, Bangladesh, Bhutan, Myanmar e Nepal. È l’animale nazionale dell’India. Specie minacciata di estinzione, la maggior parte delle tigri del mondo vive in cattività.

Amicizia, solidarietà, protezione dei più deboli, altruismo e generosità sono concetti che appartengono all’intero regno animale, anche tra individui di specie diverse e tra predatore e preda. Si mangiano, si rincorrono, si osservano, si studiano, si usano a vicenda, si rubano gli spazi e spesso si ignorano. È così che gli animali che appartengono a specie diverse si comportano gli uni nei confronti degli altri.
Studiando però i rapporti tra specie diverse che si verificano in cattività, sono stati osservati comportamenti “anomali”.

Tutti i grandi felini, come tigri, leoni e leopardi, non sono mai andati molto d’accordo con il genere umano. I “viaggiatori” mangiati da felini, sono pochissimi e si tratta quasi sempre di persone che non hanno rispettato le regole di visita dei parchi. Quindi, viaggiate liberamente senza pensare al pericolo di tigri e leoni. Per ogni persona uccisa da un felino, ce ne sono migliaia che muoiono per mano di altri uomini.
Attualmente, i grandi felini che per convenzione sono tutti quelli del genere Panthera, cioè leone, tigre, leopardo, giaguaro, leopardo delle nevi, e anche puma e ghepardo che appartengono a generi diversi sono sempre meno diffusi e tendono a evitarci perché, salvo rari casi, noi uomini non siamo più una preda con la quale i predatori hanno familiarità.
Il docile ghepardo e i felini delle Americhe, anche se è veloce come un fulmine, il ghepardo (Acinonyx jubatus) è l’unico grande felino non pericoloso per l’uomo. La costituzione leggera, la bocca piccola e le unghie solo parzialmente retrattili, fatte per correre, non lo rendono adatto ad abbattere grandi prede. Alcuni ghepardi, cacciando in due o tre, possono avere la meglio anche su grandi animali come gnu e struzzi, ma comunque non ci sono testimonianze recenti e affidabili di aggressioni a uomini. I ghepardi possono diventare animali quasi “domestici” e alcuni di essi, particolarmente docili, mostrano un grande attaccamento per chi li accudisce. Il giaguaro, pur essendo più imponente del leopardo, non aggredisce le persone, se non in rarissimi casi o se direttamente provocato.

Il più piccolo puma, agilissimo e diffuso in tutte le Americhe, è invece ritenuto più pericoloso del suo cugino giaguaro, anche se non ha la cattiva reputazione dei grandi felini di Asia e Africa. In aree dove vivono questi predatori, che acquisiscono una crescente confidenza con gli uomini.
Il bellissimo leopardo delle nevi (Panthera uncia) delle montagne dell’Asia Centrale è molto meno pericoloso per gli uomini e gli attacchi documentati, peraltro non recenti, sono casi più unici che rari.

.