di Giuseppe De Pietro

Elisa, una bellezza sarda stravolgente, con un amore per la vita in campagna, le sagre paesane e  gli animali. Tanto che da tempo lavora nella fattoria del fidanzato, ogni giorno a stretto contatto con il bestiame, con una predilezione per capre e pecore, più di una volta immortalate in selfie caricati poi sui social. Questa è Elisa Piga, ventenne anni di Serdiana, secondo fa parte del bel volto della pastorizia sarda. La sua foto profilo su Facebook la immortala mentre tiene per le corna un caprone, che sembrerebbe per nulla turbato. Qualche giorno fa una sua foto comparsa su Instagram è stata rimbalzata poi su Facebook, con migliaia di condivisioni.

Da quando le sue foto sono apparse sui social hanno fatto il giro del web. La bella pastora di Serdiana ha scelto un mestiere sicuramente non facile ma che porta avanti grazie alla sua grande passione per gli animali
Da quando la sua foto mentre teneva per le corna una caprone è apparsa sui social, Facebook e Instagram, ha fatto il giro del web con migliaia di like e condivisioni. A chi ci riferiamo? A Elisa Piga, una giovanissima  ragazza di Serdiana che di mestiere fa la pastora. Niente di strano, direte voi. Quello che ha colpito gli internauti più della professione è però la bellezza della ragazza. Molti hanno storto il naso pensando che una giovane di cotanta beltà non potesse svolgere un mestiere così duro, “tipicamente” maschile. Gli stereotipi, duri a morire. Elisa Spiga, invece si dedica da tempo agli animali lavorando in una fattoria di Soleminis con il suo fidanzato. Pecore, capre, galline, asini cavalli sono il suo pane quotidiano e dalle foto del suo profilo facebook il suo paradiso.
Tra vari commenti anche molti uomini ammaliati dalla bellezza più che dalla bravura della ragazza. Per Elisa fortunatamente anche tanti complimenti per aver scelto un mestiere così duro e sicuramente non facile e che oggi molti giovani della sua età non farebbero mai.

Per rispondere agli increduli la giovane pastora ha mandato un altro scatto fotografico mentre è intenta a mungere le sue capre “Elisa mi ha mandato questo bellissimo scatto che la ritrae a lavoro con il suo gregge.  Così, giusto per smontare i dubbi di qualcuno!Essere una bella ragazza non significa che non si possa essere un’ottima allevatrice “

Lei ne sorride: “Non mi aspettavo tutti quei like e tutti quei commenti”. Tanti apprezzamenti dagli utenti maschi. Qualcuno esplicito: “Nessuno volgare”. Le donne, invece: “Ho letto di tutto: che non è vero che faccio la pastora e sicuramente sono una modella, che in campagna i capelli sciolti non vanno bene, che ho le unghie troppo lunghe per una che lavora davvero”. Le mostra, le unghie: lunghe no, curate sì: “Ci tengo, alle mani: non voglio rovinarle. Mungo, certo, ma usiamo prevalentemente la mungitrice elettrica. Hanno avuto da ridire pure sulla catenina: ma è quella del battesimo, la porto da sempre”.

La verità è che molti fanno fatica a credere che una ragazza come lei possa appassionarsi all’allevamento: “Ma io sono fatta così”. “Così” vuol dire che in discoteca non andrebbe manco morta e in città solo per lo stretto necessario, adora feste paesane e canzoni sarde, i suoi cantanti preferiti sono Maria Luisa Congiu e i Tazenda, l’unica volta che è stata al cinema era per vedere il film “Bandidos e balentes”. La maggior parte dei suoi coetanei ha altri gusti: “Ma dipende da dove nasci”. E lei, terza di tre figli, è nata in una famiglia in cui papà (64 anni, di Ballao, operaio alla Saras) ha tenuto vive le sue tradizioni e mamma (56, di Arzana) le sue “per esempio i culurgiones”.


L’intervista avviene su un’altura che domina Soleminis. Braccio appoggiato a una recinzione, Elisa tiene d’occhio una cinquantina di capre. Le ama, dice, perché sono curiose e pulite, “più delle pecore”.
A molte ha dato un nome: “Pintura è quella di tanti colori. Gatto ha le orecchie dritte. Canuda è la grigia. Occasionera quando vuol essere munta ti dà dei colpetti con la testa”.

Magia Di Venere
Via Santa Gilla, 21,
Cagliari
Tel. +39 070.75 73 530